Partita Iva per pagare meno tasse

Adv

La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto numerose novità fiscali, alcune delle quali rivolte esclusivamente ai titolari di partita Iva in forma individuale.

Tra queste, due interessano i professionisti e dunque tutti i medici titolari di partita IVA:

  • Il nuovo contribuente forfettario con reddito determinato a forfait e imposta proporzionale del 15 per cento (o del 5% per le nuove attività under 35 o over 50).
  • Il contribuente ordinario con imposta proporzionale del 20% (flat tax)

Il nuovo contribuente forfettario

Il contribuente forfettario non è una novità assoluta, ma una rivisitazione di un’agevolazione introdotta dalla Legge n. 190/2014 (Legge bilancio 2015), con modifiche che hanno certamente ampliato, anche sensibilmente, la platea dei professionisti interessati, con limite dei compensi elevato da 30mila a 65mila euro.

Unitamente all’incremento dei compensi sono state abolite alcune cause ostative, quali a titolo esemplificativo il limite di 20mila per l’investimento in beni strumentali superato il quale non era possibile accedere o permanere nel regime, oppure il ricorso al lavoro dipendente e/o professionale per importi superiori a 5mila euro.

Si tratta di novità fiscali , che combinate, consentono a molti medici, prima esclusi, di accedere al regime forfettario.

Il contribuente forfettario determina le imposte dovute applicando ai compensi percepiti una percentuale di redditività del 78 per cento e questo indipendentemente dalle spese effettivamente sostenute per la produzione dei compensi.

Sul reddito come sopra determinato applicherà un’imposta proporzionale del 15 per cento (flat tax), in luogo di un imposta progressiva per scaglioni aggiuntivi.

Il medico forfettario è estraneo all’IVA e non subisce ritenute di acconto.

Il medico forfettario può dedurre la previdenza obbligatoria (Enpam): un medico che percepisce compensi per 52 mila con contribuzione previdenziale obbligatoria per 8mila euro, avrà un’imposta così calcolata= Euro 52.000,00 per 78% = euro 40.560,00 meno 8 mila euro di contribuzione Enpam= euro 32.560,00 per 15 per cento = euro 4.884,00 di imposte.

FLAT TAX  fino a 100 mila euro

Il contribuente ordinario con imposta al 20% (flat tax) è una novità fiscale assoluta introdotta dalla Legge di Bilancio 145/2018 all’articolo 1, comma 17 e seguenti.

Si applica dal 1° gennaio 2020 e interessa i medici che al 31 dicembre del 2019 avranno conseguito compensi maggiori di euro 65 mila ma inferiori ad euro 100 mila.

Non si tratta di un contribuente forfettario, ma di un contribuente ordinario.

Senza dubbio si tratta di un regime fiscale al quale molti professionisti ambiranno e che può rappresentare un’occasione di risparmio fiscale.

Il reddito verrà determinato ordinariamente, ossia quale differenza tra compensi percepiti e spese effettivamente sostenute (materiale di consumo, servizi, locazione, noleggi, costi del personale dipendente, ammortamenti ed oneri diversi).

continua su http:// https://www.enpam.it/news/partita-iva-per-pagare-meno-tasse

Adv




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *