Le colpe dei bifosfonati nella osteonecrosi dei mascellari

Adv

Negli ultimi anni i bifosfonati impiegati per la cura di un’ampia gamma di disturbi sta crescendo considerevolmente tra la popolazione, a tal punto da attestarsi tra i 20 farmaci più prescritti al mondo.
Tale categoria farmacologica rappresenta la terapia di riferimento per il trattamento di diverse patologie metaboliche e oncologiche che coinvolgono l’apparato scheletrico, dalle metastasi ossee all’ipercalcemia neoplastica, dal morbo di Paget all’osteogenesi imperfetta e anche alle varie forme di osteoporosi.

Prevenzione da ulteriori danni ossei, riduzione del dolore, diminuzione delle fratture patologiche, nonché minore necessità di dover eseguire trattamenti radioterapici su segmenti scheletrici sono solo alcuni fra gli effetti positivi più evidenti legati alla loro somministrazione.

Modalità d’azione del farmaco e rischio d’insorgenza di osteonecrosi

I bifosfonati agiscono farmacologicamente accumulandosi in prevalenza nelle sedi in cui risulta maggiore la sintesi ossea, determinando una sensibile inibizione del riassorbimento dell’osso mediato dagli osteoclasti, alterandone il normale rimodellamento.

Nella cura delle patologie scheletriche benigne, quali l’osteoporosi e il morbo di Paget, i bifosfonati vengono impiegati, nella quasi totalità dei casi, con dosaggi bassi protratti nel tempo e sono assunti per via orale. Per quanto riguarda invece le patologie oncologiche (metastasi ossee), essendo necessarie dosi molto più elevate di farmaco, si ricorre quasi esclusivamente a somministrazioni endovenose ravvicinate e pertanto in breve tempo si raggiungono alte concentrazioni di bifosfonati a livello scheletrico.

Mostrando un’alta affinità per le ossa, i bifosfonati tendono a depositarsi in tali tessuti e possono provocare una temibile complicanza a lungo termine di non semplice risoluzione: la lesione (osteonecrosi) dell’osso mandibolare e/o mascellare, anche dopo l’interruzione della terapia. L’osteonecrosi della mascella/mandibola è una patologia di tipo infettiva e necrotizzante, progressiva e con scarsa tendenza alla guarigione.

In considerazione dell’elevato numero di pazienti che assumono la suddetta classe di farmaci, emerge chiaramente quanto tali forme di osteonecrosi farmaco-relate costituiscano una patologia odontostomatologica severa e da non sottovalutare. A oggi, il numero di individui affetti da osteonecrosi causata da bifosfonati è incerto (le varie casistiche riportano percentuali comprese tra il 4 e il 9% dei pazienti trattati per mieloma multiplo e metastasi ossee), così come non è pienamente chiaro il meccanismo patogenetico responsabile dell’insorgenza della malattia.

Leggi l’articolo completo alla fonte.

Adv




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *